• Personalizzazione culturale dell’interfaccia utente
  • Traduzione professionale realizzata nel Paese di destinazione
  • Minore riscontro di bug ed errori di localizzazione
  • Protezione del codice sorgente e del linguaggio di marcatura
  • Uso coerente della terminologia per la comunicazione aziendale
  • Adattamento culturale delle traduzioni
  • Gestione competente dei progetti
  • Riduzione dei tempi di commercializzazione
  • Distribuzione simultanea di prodotti multilingue
  • Maggior consenso da parte del cliente nei confronti della versione internazionale di un prodotto

Offriamo traduzioni scritte di documenti, software, siti web e progetti multimediali, sempre garantendo la massima professionalità. Offriamo la competenza tecnica necessaria per operare in svariati ambiti – dalla traduzione di depliant a quella di applicazioni desktop e per telefoni cellulari – sia su sistemi Macintosh sia PC.

Traduciamo e localizziamo siti web, sistemi di commercio elettronico, assistenza on-line, manuali d’istruzioni e molto altro. Supportiamo tutti i maggiori linguaggi di programmazione e di scripting (HTML, ASP, PHP, Perl, Python, javaScript, Java, C/C++/C#, Visual Basic, XML, SGML ecc.). Pensateci due volte prima di commercializzare prodotti o servizi in un Paese straniero senza l’accortezza di adattarli culturalmente. Di seguito sono riportati alcuni interessanti dati statistici che vi faranno cambiare idea:

  • Chi acquista prodotti on-line preferisce farlo su siti web tradotti nella propria lingua. Tale dato statistico si riferisce agli utenti che effettivamente acquistano on-line e non al numero complessivo di visitatori del sito web. Non ci si deve meravigliare, quindi, se più della metà dei soggetti in questione (il 52,4%) acquista solo su siti web nella propria lingua. In Francia e in Giappone più del 60% dei consumatori ha affermato di acquistare on-line solo su siti web che si presentano nella loro lingua. Se si considera invece la competenza linguistica del consumatore, è statisticamente sei volte più probabile che chi ha una scarsa conoscenza dell’inglese non acquisti on-line da siti web anglofoni, rispetto ai connazionali che invece padroneggiano la lingua.
  • Il fattore linguistico influenza in maniera significativa gli acquisti più importanti. La netta maggioranza degli intervistati (85,3%) ritiene che la presenza di informazioni nella propria lingua su servizi assicurativi e finanziari sia un fattore determinante nell’acquisto on-line degli stessi. Al contrario, solo il 45,8% degli intervistati afferma l’importanza del fattore linguistico nell’acquisto on-line dei capi d’abbigliamento.
  • Più l’articolo è costoso, più è probabile che l’acquirente voglia informazioni sul prodotto nella propria lingua.
  • Per vendere un prodotto si deve andare oltre il fattore linguistico. Il 67,4% degli intervistati visita frequentemente siti web in lingua inglese ma solo 1/4 di questi (il 25,5%) acquista regolarmente prodotti o servizi. L’impossibilità di utilizzare le proprie carte di credito o valute ostacola molti potenziali acquirenti stranieri nell’acquisto di un determinato prodotto, a prescindere dal fattore linguistico. Convertire i potenziali clienti di tutto il mondo in clienti effettivi richiede, a parte la traduzione dell’interfaccia, una migliore prestazione del sito web e l’attivazione di supporti per il pagamento con carta di credito e tramite transazioni internazionali.
  • Il marchio globale ha la meglio sul fattore linguistico e sul prezzo del prodotto La metà degli intervistati (50,8%) è più propensa ad acquistare un marchio globale anzichè uno locale, a prescindere dalla traduzione dell’interfaccia web. Secondo le statistiche solo la percentuale di intervistati tedeschi e giapponesi è al di sotto del 50%. In ogni modo per il 56,2% degli intervistati l’accesso alle informazioni di un sito web nella propria lingua è più importante del costo del prodotto.

La globalizzazione di un sito web scongiura l’insorgere di ogni tipo di fraintendimento adattando le informazioni in esso contenute alle esigenze culturali, linguistiche e commerciali del Paese di destinazione. La traduzione del vostro sito web permetterà agli utenti un’accesso facile e veloce alle informazioni della vostra azienda. Inoltre, una rete di comunicazione efficiente tra voi e i vostri clienti, i vostri soci e i vostri dipendenti in un’ottica internazionale, si traduce in meno costi e più guadagni per la vostra azienda. Tuttavia, la creazione di un sito web globale comporta un notevole sforzo: mantenere la stabilità del marchio. Il World Wide Web si fonda su 4 componenti principali:

  1. Strategia
  2. Esperienza utente
  3. Contenuto
  4. Tecnologia

Sebbene su base mondiale questo quadro sia ancora in fase di sviluppo, in alcuni Paesi, come ad esempio negli Stati Uniti, è ben consolidato. Molte aziende operanti nel mercato globale hanno studiato soluzioni per servire quei mercati, ma il livello di supporto varia enormemente da caso a caso. Spesso il lancio di un sito web di un’azienda si ripercuote sugli uffici locali della stessa: agli utenti è proposto un sito web dal branding disomogeneo, localizzazioni frammentarie, un contenuto inappropriato e sprovvisto di assistenza al cliente nella propria lingua. Indubbiamente ciò incide negativamente sull’esperienza utente e quindi sui ricavi dell’azienda. Ai potenziali clienti provenienti da ogni parte del mondo si deve riservare lo stesso trattamento di quelli locali e si deve fornire lo stesso livello di supporto. Ulteriori informazioni sulla localizzazione.